Ciò che ho scritto di noi è tutta una bugia

.

Ciò che ho scritto di noi è tutta una bugia
è  la mia nostalgia
     cresciuta sul ramo inaccessibile
è la mia sete
     tirata su dal pozzo dei miei sogni
è il disegno
     tracciato su un raggio di sole

ciò che ho scritto di noi è tutta verità
è la tua grazia
     cesta colma di frutti rovesciata sull’erba
è la tua assenza
     quando divento l’ultima luce all’ultimo angolo della via
è la mia gelosia
     quando corro di notte fra i treni con gli occhi bendati
è la mia felicità
     fiume soleggiato che irrompe sulle dighe

ciò che ho scritto di noi è tutta una bugia
ciò che ho scritto di noi è tutta verità.

Berlino, 1961

(“Ciò che ho scritto di noi è tutta una bugia” – In esilio / Poesie d’amore – Nazim Hikmet)
Doppelganger_by_champivet

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Poesie d’amore / Nazim Hikmet  –  Arnoldo Mondadori SpA – traduzione: Joyce Lussu

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: