CASIDA SETTIMA Della rosa

 

.

La rosa
non cercava l’aurora:
quasi eterna sul ramo,
cercava altra cosa.

La rosa,
non cercava né scienza né ombra:
soglia tra  carne e sogno,
cercava altra cosa.

La rosa
non cercava la rosa.
Immobile nel cielo
cercava altra cosa.

.

.

.

.

.

(CASIDA SETTIMA Della rosa –  Federico García Lorca)

.

La rosa
no buscaba la aurora:
casi eterna en su ramo,
buscaba otra cosa.

La rosa,
no buscaba ni ciencia ni sombra:
confín de carne y sueño,
buscaba otra cosa.

La rosa,
no buscaba la rosa.
Inmóvil por el cielo
buscaba otra cosa.

  
(“CASIDA SÉPTIMA De la rosa – Federico García Lorca)
 
 

“POESIE D’AMORE”  Federico García Lorca 
Passigli Editori.
Traduzione: Valerio Nardoni

 

Cmmento di Gaetano Chiappini:
“La rosa della passione e dell’eros non cerca surrogati come il sorgere del giorno; né la scienza né la notte. Nemmeno se stessa. La rosa cercava altra cosa. Nessun mistero. La vita cerca sempre qualcosa d’altro.

Da Sonetos: sono undici sonetti (scritti tra il 1935 e il ’36) di cui si ebbe a Granada nel 1983 un’edizione pirata; poi, sul quotidiano madrileno ABC del 17 marzo 1985 un’edizione autorizzata a cura di Miguel García Posada, noto studioso della poesia lorchiana.”

6 Risposte to “CASIDA SETTIMA Della rosa”

  1. Ricordo un verso di Lorca che invitava a sentire il profumo della rosa sommersa nell’acqua. Mi ricorda con nostalgia un amore mai nato e di cui ho solo sentito quel profumo -:)

  2. angelo Says:

    la vita cerca sempre qualcosa “d’altro” perchè la felicità è “altrove” … “non abbiamo bisogno di una nave, creatura mia, ma delle nostre speranze finché saranno ancora belle, non di rematori, ma di sfrenate fantasie. Oh, andiamo a cercar l’Altrove!”

    cercare di cogliere quella rosa nella sua intera bellezza,
    cercare non solo i suoi petali ma anche le sue spine,
    vedere nelle spine il presagio di petali delicati …

    “delle volte un no nega più di quanto voleva, si moltiplica. Si dice “no, non verrò” e si disfanno le infinite trame lentamente intessute da dei si, si negano promesse che nessuno ci ha fatto, non altri che noi stessi, nell’orecchio … Un no spaventa. Va sempre lasciato al bordo delle labbra e dubitarne. O dirlo così dolcemente che arrivi a chi non l’aspettava con il suono d’un “si”, se anche non disse si chi lo diceva”

    • Sì, Angelo bello, non è trovare, ma cercare. almeno, questo è il nostro destino, non approdare ma navigare, la passione si alimenta di desiderio.

      Bellissimo Salinas, quella che mi hai riportato è una delle mie preferitissime, ha la doppia orecchietta🙂 ti spiego, quando una poesia mi piace tanto ci faccio un’orecchietta alla pagina, piccolina, nell’angolo inferiore, quando mi piace tantissimissimo allora ci faccio anche un’orecchietta nell’angolo superiore del foglio, così quando ho tempo e mi viene in mente e la voglio pubblicare la ritrovo facilmente…oddio facilmente, ci son libri pieni di orecchiette su e giù!
      un abbraccio grande come sappiamo noi! grazie caro

  3. Si l’avevo letta la tua domanda, ma era retorica, vero ? E forse non rivolta neanche a me…

    ciao

    • Sì certo, era retorica…scherzavo un po’ ieri. Lo faccio spesso, quando parlo di cose “serie”. E’ vero, certi profumi non si scordano facilmente, a volte non si scordano mai, seppur facciano male. Ma è profumo di sogno.
      Ciao caro Guglielmo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: