Archive for the Dickinson Category

Nulla sarà mai più com’era prima

Posted in Dickinson with tags on 29 ottobre 2010 by FrammentAria

.

Nulla sarà mai più com’era prima –
mi dissi – ha avuto avuto inizio un’ altra vita –
molta amarezza è stata –
ma il suo tempo – è passato –

E se dovesse – come accade – ancora
riapparire – nel placido mattino –
tanta gioia avrei in me per ogni tempo
da rendere più docile la pena –

L’ebbrezza che provavo la diceva
tuttta rossa la mia semplice guancia –
lampante nei miei occhi –
superflua ogni parola –

Camminavo portata dalle ali –
i piedi di cui prima mi servivo
ora inutili a me – come agli uccelli
le scarpe – per volare –

Palesavo dovunque il mio piacere –
una parola d’oro regalando
a chiunque incontrassi –
e doni al mondo intero –

Quando – ad un tratto – i miei tesori sparvero –
un folletto bevve la mia rugiada –
i miei palazzi vuoti rovinarono –
ed io fui mendicante –

ai suoni mi aggrappavo –
ombre abbracciavo –
lembi di nebbia al tatto – ma sentivo
il deserto che già precipitava
sulle mie strade d’oro –

Dal chiodo pende il saio –
la mia veste di sempre –
ma dov’è il mio momento di broccato –
la mia gocciola d’India?

(Poesia n.  430  Emily Dickinson)


.

.

.

.

.

.

.

.

It would never be Common – more – I said –
Difference – had begun –
Many a bitterness – had been –
But that old sort – was done –

Or – if it sometime – showed – as ‘twill –
Upon the Downiest – morn –
Such bliss – had I – for all the years –
‘Twould give an easier – pain –

I’d so much joy – I told it – Red –
Upon my simple Cheek –
I felt it publish – in my eye –
‘Twas needless – any speak –

I walked – as wings – my body bore –
The feet – I former used –
Unnescessary – now to me –
As boots – would be – to Birds –

I put my pleasure all abroad –
I dealt a word of Gold
To every Creature – that I met –
And Dowered – all the World –

When – suddenly – my Riches shrank –
A Goblin – drank my Dew –
My Palaces – dropped tenantless –
Myself – was beggared – too –

I clutched at sounds –
I groped at shapes –
I touched the tops of Films –
I felt the Wilderness roll back
Along my Golden lines –

The Sackcloth – hangs upon the nail –
The Frock I used to wear –
But where my moment of Brocade –
My – drop – of India?

(Poem: 430 – Emily Dickinson)

“Opere scelte”  Emily Dickinson – Arnoldo Mondadori Spa –
 traduzioni: Silvio Raffo e Massimo Bacigalupo

Annunci

Nessun vascello c’è che come un libro

Posted in Dickinson with tags on 29 ottobre 2010 by FrammentAria

.

Nessun vascello c’è che come un libro
possa portarci in contrade lontane
né corsiere che superi la pagina
d’una poesia al galoppo –
Questo viaggio può farlo anche il più povero
senza pagare nulla –
tant’è frugale il carro che trasporta
l’anima umana.

(Poesia n.  1263  Emily Dickinson)

.

.

.

.

.

.

.

.

There is no Frigate like a Book
To take us Lands away
Nor any Coursers like a Page
Of prancing Poetry –
This Travel may the poorest take
Without oppress of Toll –
How frugal is the Chariot
That bears the Human soul.

(Poem: 1263.  There is no Frigate like a Book
 – Emily Dickinson)

“Opere scelte”  Emily Dickinson – Arnoldo Mondadori Spa –
 traduzioni: Silvio Raffo e Massimo Bacigalupo

Cuore! Lo dimenticheremo!

Posted in Dickinson with tags on 4 marzo 2010 by FrammentAria

.

Cuore! Lo dimenticheremo!
tu ed io – questa notte!
Tu scorderai il calore che ci dava –
io scorderò la luce!

Quando hai finito, dillo –
sicché incominci io!
Svelto, perché se indugi
io lo ricorderò!

(Poesia n.  47  Emily Dickinson)
.

 

.

.

.

.

.

.

.

.

Heart! We will forget him!
You and I – tonight!
You may forget the warmth he gave –
I will forget the light!

When you have done, pray tell me
That I may straight begin!
Haste! lest while you’re lagging
I remember him!

(Poem: 47.  Heart! We will forget him! – Emily Dickinson)

“Opere scelte”  Emily Dickinson – Arnoldo Mondadori Spa –
 traduzioni: Silvio Raffo e Massimo Bacigalupo

Il dolore è un topo

Posted in Dickinson with tags on 4 marzo 2010 by FrammentAria

.

Il dolore è un topo –
sceglie l’intercapedine nel petto
per timido nido  –
ed elude la caccia –

Il dolore è un ladro – rapido nel trasalire –
tende l’orecchio – per cogliere un suono
di quel vasto buio –
che ha trascinato la sua vita – indietro –

Il dolore è un giocoliere – ardito nell’esibirsi –
perché se  esita  – l’occhio per di lì
non colga  i suoi lividi – siano uno o tre –
Il dolore è un buongustaio – moderato nel lusso –

Il dolore migliore non ha lingua  –
prima che parli – bruciatelo in piazza –
le sue ceneri – lo faranno
forse – se rifiutano – come sapere  –
ormai nemmeno la tortura ne caverebbe una sillaba

(Poesia n.  793  Emily Dickinson)

.

.

.

.

.

.

.
Grief is a Mouse –
And chooses Wainscot in the Breast
For His Shy House –
And baffles quest –

Grief is a Thief – quick startled –
Pricks His Ear – report to hear
Of that Vast Dark –
That swept His Being – back –

Grief is a Juggler – boldest at the Play –
Lest if He flinch – the eye that way
Pounce on His Bruises – One – say – or Three –
Grief is a Gourmand – spare His luxury –

Best Grief is Tongueless – before He’ll tell –
Burn Him in the Public square –
His Ashes – will
Possibly – if they refuse – How then know –
Since a Rack could’nt coax a syllable – now

(Poem: 793.  Grief is a Mouse – Emily Dickinson)

“Opere scelte”  Emily Dickinson – Arnoldo Mondadori Spa –
 traduzioni: Silvio Raffo e Massimo Bacigalupo

Dì tutta la verità ma dilla obliqua

Posted in Dickinson with tags on 4 marzo 2010 by FrammentAria

.

Di’ tutta la verità ma dilla obliqua –
il successo è nel cerchio –
sarebbe troppa luce per la nostra
debole gioia
la superba sorpresa del vero –
Come il lampo è accettato dal bambino
se con dolci parole lo si attenua –
così la verità può gradualmente
illuminare – altrimenti ci accieca –

(Poesia n. 1129  Emily Dickinson)

.

.

.

.

.

.

.

.

.

 

Tell all the truth but tell it slant –
Success in Circuit lies
Too bright for our infirm Delight
The Truth’s superb surprise
As Lightning to the Children eased
With explanation kind
The Truth must dazzle gradually
Or every man be blind –

(Poem: 1129.  Tell all the truth but tell it slant – Emily Dickinson)

“Opere scelte”  Emily Dickinson – Arnoldo Mondadori Spa –
 traduzioni: Silvio Raffo e Massimo Bacigalupo

La mia mente sentii fendersi

Posted in Dickinson with tags on 20 ottobre 2009 by FrammentAria

.

La mia mente sentii fendersi –
come se il mio cervello si fosse spaccato –
Cercai di ricongiungere i due orli –
ma non riuscivo a farli combaciare.

Il pensiero anteriore al successivo
tentavo in ogni modo di allacciare –
ma la sequenza era un groviglio muto –
gomitoli sul pavimento sparsi.

(Poesia n. 937 Emily Dickinson)

Loucos_courbe.rid

 

 

 

 

 

 
I felt a Cleaving in my Mind –
As if my Brain had split –
I tried to match it – Seam by Seam –
But could not make them fit –

The thought behind, I strove to join
Unto the thought before –
But Sequence ravelled out of Sound –
Like Balls – upon a Floor –

(Poem: 937. I felt a Cleaving in my Mind – Emily Dickinson)

 

“Opere scelte” Emily Dickinson – Arnoldo Mondadori Spa – traduzioni: Silvio Raffo e Massimo Bacigalupo

Si misura l’amore da se stesso soltanto

Posted in Dickinson with tags on 19 ottobre 2009 by FrammentAria

.

Si misura l’amore da se stesso soltanto –
“Grande come son io” – dichiara il sole
a chi non l’ha sentito mai bruciare –
Lui stesso è l’unico che gli somiglia.

(Poesia n. 826 Emily Dickinson)

Delire Lucide _fade

 

 

 

 

 

 

Love reckons by itself—alone—
“As large as I”—relate the Sun
To One who never felt it blaze—
Itself is all the like it has—

(Poem: 826. Love reckons by itself—alone— Emily Dickinson)

“Opere scelte” Emily Dickinson – Arnoldo Mondadori Spa – traduzioni: Silvio Raffo e Massimo Bacigalupo