Archive for the Kavafis Category

Candele

Posted in Kavafis with tags on 13 ottobre 2009 by FrammentAria

.

Stanno i giorni futuri innanzi a noi
come una fila di candele accese –
dorate, calde, e vivide.

Restano indietro i giorni del passato,
penosa riga di candele spente:
le più vicine danno fumo ancora,
fredde, disfatte, e storte.

Non le voglio vedere: m’accora il loro aspetto,
la memoria m’accora del loro antico lume.
E guardo avanti le candele accese.

Non mi voglio voltare, ch’io non scorga, in un brivido,
come s’allunga presto la tenebrosa riga,
come crescono presto le mie candele spente.

(CANDELE Konstantinos Kavafis)

MariaE.Salvador_tulips

Annunci

Ritorna

Posted in Kavafis with tags on 13 ottobre 2009 by FrammentAria

.

Ritorna spesso e prendimi

Ritorna e prendimi o sensazione amata –

se la memoria del corpo si desta

e il vecchio spasimo passa nel sangue,

poi che le labbra e la pelle trasalgono

e ancora le mani sembra che tocchino.

 

Ritorna spesso e prendimi, la notte

poi che le labbra e la pelle trasalgono.
 
 
  (“Ritorna” Konstantinos Kavafis)K.O.T.A. [Luís Azevedo]929578.rifl

Mura

Posted in Kavafis with tags on 12 ottobre 2009 by FrammentAria

.

Senza riguardo, senza pudore né pietà,
m’han fabbricato intorno erte, solide mura.

E ora mi dispero, inerte, qua.
Altro non penso: tutto mi rode questa dura

sorte. Avevo da fare tante cose là fuori.
Ma quando fabbricavano come fui così assente!

Non ho sentito mai né voci né rumori.
M’hanno escluso dal mondo inavvertitamente.

8208

(MURA  Konstantinos Kavafis)

Monotonia

Posted in Kavafis with tags on 12 ottobre 2009 by FrammentAria

.

Il monotono giorno da un monotono
identico giorno è seguito. Cose identiche
si faranno e rifaranno nuovamente –
momenti identici incombono e dileguano.

Il mese passa che porta un altro mese.
Le cose che succedono le possiamo indovinare
senza sforzo; sono le cose di ieri, fastidiose.
Finisce che il domani non sembra più un domani.

(MONOTONIA  Konstantinos Kavafis)

14