Archive for the Montale Category

Annaspando

Posted in Montale with tags on 27 gennaio 2011 by FrammentAria

.

Si arraffa un qualche niente
e si ripete
che il tangibile è quanto basta.
Basterebbe un tangente
se non fosse
ch’è lì, a due passi, guasto.

.

(” Annaspando”  da SaturaEugenio Montale)

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

MONTALE  Tutte le poesie – I meridiani / Arnoldo Mondadori Editore
a cura di Giorgio Zampa

Annunci

A questo punto

Posted in Montale with tags on 1 dicembre 2010 by FrammentAria

.

A questo punto smetti
dice l’ombra.
T’ho accompagnato in guerra e in pace e anche
nell’intermedio,
sono stata per te l’esaltazione e il tedio,
t’ho insufflato virtù che non possiedi,
vizi che non avevi. Se ora mi stacco
da te non avrai pena, sarai lieve
più delle foglie, mobile come il vento.
Devo alzare la maschera, io sono il tuo pensiero,
sono il tuo in-necessario, l’inutile tua scorza.
A questo punto smetti, stràppati dal mio fiato
e cammina nel cielo come un razzo.
C’è ancora un lume all’orizzonte
e chi lo vede non è un pazzo, è solo
un uomo e tu intendevi non esserlo
per amore di un’ombra. T’ho ingannato
ma ora ti dico a questo punto smetti.
Il tuo peggio e il tuo meglio non t’appartengono
e per quello che avrai puoi fare a meno
di un’ombra.  A questo punto
guarda con i tuoi occhi e anche senz’occhi.

(” A questo punto”  da Diario del ’71 – Eugenio Montale)

MONTALE Tutte le poesie – I meridiani / Arnoldo Mondadori Editore
a cura di Giorgio Zampa

Tra chiaro e oscuro

Posted in Montale with tags on 13 ottobre 2009 by FrammentAria

.


Tra chiaro e oscuro c’è un velo sottile
Tra buio e notte il velo si assottiglia.
Tra notte e nulla il velo è quasi impalpabile.
La nostra mente fa corporeo anche il nulla.
Ma è allora
che cominciano i grandi rovesciamenti,
la furiosa passione per il tangibile,
non quello elefantiaco, mostruoso
che nessuna mano può chiudere in sé,
ma la minugia, il fuscello che neppure
il più ostinato bricoleur può scorgere.
Il Leviatano uccide, non può crescere oltre
e scoppia,
ma quello che ci resta sotto le unghie
anche se usciamo appena dalla manicure,
quello è ancora la prova che siamo polvere
e torneremo polvere e tutto questo
è polvere di vita, il meglio e il tutto.


(“Tra chiaro e oscuro” Eugenio Montale. Diario del ’72)


RichardDrury